hipster

“Il termine “hipster” è stato riattualizzato negli anni novanta e duemila e ora designa giovani, di classe medio-alta, istruiti e abitanti dei grandi centri urbani, che si interessano alla cultura alternativa (o presunta tale) – “non mainstream” – come l’indie rock, l’elettronica, i film d’autore e le tendenze culturali emergenti. Si professano ottimi conoscitori della lingua inglese e amano appropriarsi dei codici delle generazioni precedenti, ammantandosi di un caratteristico stile rétro. Si servono in negozi di abiti usati, mangiano preferibilmente cibo biologico, meglio se coltivato localmente, sono vegetariani o vegani, preferiscono bere birra locale (o prodotta in proprio) e amano girare in bicicletta. Spesso lavorano nel mondo dell’arte, della musica e della moda, e rifiutano i canoni estetici della cultura statunitense e anche la sessualità predefinita.

Non vogliono essere catalogati e eludono l’attualità.”

Quante cose mi sono perso…

Annunci

3 risposte a “hipster

  1. Una dritta: se non sono di classe medio-alta sono solo ‘soggettoni’. Niente da dire, siamo ancora alle divisioni pecuniarie, prima di tutto. Mi hai fatto ridere tanto! 😀

  2. Mi pare di conoscerne un paio, e anche molto da vicino…ma se le chiamo hipster si arrabbieranno tantissimo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...