giallo d’estate

Esterno notte. Seduto su una panchina di cemento e metallo al binario 5 della stazione Priverno-Fossanova, aspetto il treno delle 21:08 per Roma Termini. L’aria è fresca e poche persone gironzolano sfuocate, nel deserto della notte. L’altoparlante annuncia il passaggio di due treni in transito sui binari 4 e 5 e in pochi minuti la mandria di bisonti di ferro  passa facendo tremare la terra (sarebbe così facile buttarsi sotto). Per la mia attesa stringo tra le mani un libro vecchio di vecchi racconti gialli (estate del 1985) trovato per caso in casa di amici. Le pagine sono consumate e porose, stanche. Racconti perduti e ritrovati, senza una fissa dimora, senza un padrone.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...