nervi e ortiche

Fare l’architetto, ma sopratutto l’urbanista è difficile. Difficile di questi tempi. Infatti, le due categorie sono estinte. Sono rimasti, invece, i geometri e i palazzinari. Che godono di ottima salute.

A latere (ma molto discosti) ci sono quelli che gridano “che basta, non si può più consumare il suolo!”. Ne va della sopravvienza dell’umanità. E quelli, ancora, che sono preoccupati del dissesto idrogeologico (che sarà mai? Roba da dinosauri). Non hanno alcuna fortuna.

Poi ci sono i politici di ogni forma e colore. Che dovrebbero decidere (magari in maniera partecipata). Ed, invece, raccontano e fanno cazzate.

Questa storia è molto breve e si svolge a Roma. In due posti che cominciano per Tor (un pò periferici). Ed in  un terzo che sta in una zona centrale e di lusso.

Il primo è qui: Tor di Valle.

tor-di-valle

Dove si vede il vecchio ippodromo, campi e un’ansa del fiume Tevere. Che secondo i geologi (sfigati!) potrebbe essere tranquillamente saltata dal fiume in un anno X a piacere. In un’immagine satellitare di uso comune ci sono: dissesto idrogeologico (for dummies), consumo del suolo (per orecchie da mercante)  e promesse politiche (tantissime).

Il secondo è qui: Tor Vergata

tor-vergata

Dove non c’è il fiume, ma, in compenso, ci stanno un campus universitario e tutta quella bella roba lasciata a metà dalla giunta Alemanno (vela di Calatrava inclusa), marcata con il cartellino giallo “Torrenova”. Su cui mi sembra abbiano fatto degli spot elettorali, si siano dette molte cose e non si sia fatto nulla. Anche in questo caso consumo di suolo, ma magari qualche rischio idrogeologico in meno (e la possibilità di rimediare ai danni altrui).

In mezzo ci sta questo:

221734301-d50d929d-11a2-4928-9c71-9e22b95a66a2

Lo stadio Flaminio. Progettato da Antonio Nervi, figlio del più famoso Pier Luigi (due dilettanti dell’architettura italiana), lasciato andare in rovina (come tutto il villaggio olimpico del 1960) ed alle ortiche. In nome del civile progresso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...