eccomi

Riflessioni sparse (ed in corso d’opera)  sull’ultimo libro di

Jonathan Safran Foer

… che già uno che ha un cognome così lo capisci subito che ti investirà con una bomba linguistica che ti sparpaglierà sul pavimento. Ma insomma, non ero preparato, non avevo studiato, non avevo preletto.

Ho solo acceso il mio lettore, ho fatto scivolare il polpastrello ed ho acceso le pagine. E mi sono trovato dentro. Dentro alla mia vita, alle banalità quotidiane ed alle aspirazioni cogenti che ti impognono di andare avanti, senza mai centrare l’obiettivo. Ai discorsi perfetti e brillanti  (che non lasciano spazio a repliche) ed alle incogruenze.

Quanto sò arguti l’ebbrei !! 

Mi sono ritrovato nei suoi personaggi, pur non essendo ebreo (esiste una categoria di non ebreitudine? E’ grave? Si guarisce?), ed in certe dinamiche della vita familiare.

“Che uccidono”

Non sono Abramo, invece, non sono pronto. Gli appuntamenti della storia li ho già  falliti tutti. Lentamente si muore in un silenzio che ci scaviamo intorno.  Ma. Se tutto va male non c’è nulla che possa andare davvero male (citazione errata, ma qui ci stava bene).

“…”

Piuttosto questo presente ci contamina e disgrega.

Sono circa a metà …Lo volemo fa’ sto’ Bar Mitzvah si o no?

sinai israele satellite

Update: finito il libro. Giusto in tempo per commemorare la guerra dei 6 giorni, di questi tempi.  

Annunci

3 risposte a “eccomi

  1. L’ho lasciato anche io, a metà, amarezza inquietudine e traslochi mi hanno un po’ spiazzato. Mi sa che devo ricominciare. Mi sa pure che non lo regalo a papà, come volevo. Ma questo lo sapevo dalla decima pagina

    • Penso di riuscire a finirlo Mi ha preso parecchio Come va la Svizzera? Se passi da Ginevra alla biblioteca dell’ONU ci trovi mia sorella

      • Hai capito! Resto basita di come in quel piccolo paese precisino riescano ad attirare così tanti talenti. Va bene, si sta, si cerca una strada scientifica nuova (e questo era lo scopo). Comincio a pensare di avere un senso distorto delle priorità perché, appena atterrata a Fiumicino, mi commuovo per tre euro sufficienti a fare colazione. Ma tutto sommato non ci possiamo lamentare. Saluti ai pupi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...