Vinicio

E se tutte queste cose non erano buone, il Patraterno non le creava. Si faceva i cazzi suoi” (C.V. 10,26) Questa è la dedica all’inizio del libro “Il paese dei coppoloni” immaginato e scritto da Vinicio Capossela. E’ il mio ultimo acquisto e mi accompagnerà nelle prossime settimane in un viaggio che spero lungo ed interessante.  Vinicio mi piaceva già ai tempi di “All’una e trentacinque”, giusto giusto 25 anni fa. Di strada e polvere, di vuoti e silenzi, di miti e mitraglie, di marajà e odalische, di 4 roses bourbon non tutti si possono permettere di cantare e raccontare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...