Archivi del mese: marzo 2013

paolo nori

Siamo 7 miliardi di abitanti. Tutti non si possono conoscere. Tocca affidarsi al caso. Ed alla rete. Che amplifica, condivide, distorce, accumula. Sicchè, da un fatto di cronaca triste , scopro che esiste un essere umano di nome Paolo Nori che ha fatto (e si spera farà ancora) tante cose nella vita. Tenuto conto che sul suo blog ci sono molti impegni per i prossimi mesi (programmati senza sapere cosa ci destina il fato), questo fa ben sperare in una rapida ripresa dopo il brutto indicente.

Però, a me, il suo ultimo post prima di finire sdraiato a terra mi ha fatto venire un pò i brividi. Che fosse colpa dei bioritmi?

 

acquerugiola

poltrona-aerea

Piove, fino fino. Senza fretta, ti inzuppa fino all’ossa. Che si può leggere, in un giorno così? Gli autori russi? Paul Auster? Hemingway? La biografia di Alcide De Gasperi?

la femmina del porco

” …. e detto per ingiuria a Femmina sozza fisicamente o moralmente“. E mica si va tanto per il sottile qui.

tra noi e loro

40a62e6267a5e9495e53a1338e95491193c8f19d_m

Le vicende politiche di questi giorni (anni) dimostrano in maniera lampante il fallimento del progetto risorgimentale dell’unità d’Italia. Un’intuizione sbagliata ed inutile. Arrendiamoci all’evidenza dei fatti: non siamo fatti per stare insieme. La soluzione più semplice potrebbe essere quella di andarsene ognuno per i fatti propri, in una sorta di Risiko al contrario. Garantiamo dunque autonomia ed indipendenza a nuovi stati: Sardegna e Sicilia per conto loro; nascita dello Stato di PIELOVEFRIULTRENTIN (la terra di bengodi ove l’erba è più verde); cessione dell’Alto Adige all’Austria (alcuni milioni di morti cancellati con un tratto di penna); rivitalizzazione del Granducato di Toscana e dello Stato pontificio; San Marino sta già per conto suo e sono avvantaggiati; Porto franco in Calabria e Puglia (che di traffici e  commerci più o meno leciti c’è sempre necessità e Cipro non ha più il fascino di un tempo).

Secondo me potrebbe funzionare.

 

la speranza

Stamani, a  Roma, i marciapiedi sono bagnati di pioggia. Il cielo è scuro e coperto da nubi cariche. Qualche goccia cade, ma è solo una minaccia. Percorro, a piedi, il breve tratto che mi separa dalla metropolitana: non ho portato l’ombrello (mi da fastidio l’ombrello, impiccia).  All’angolo della strada, vicino alle scale della metro, stazionano due cittadini extracomunitari, con la loro merce: ombrelli.

Non piove e la gente passa oltre, senza guardarli. La gente è indifferente per principio. Io pure faccio parte della gente. Ho sorriso all’extracomunitario che mi mostrava la mercanzia ed ho letto nei suoi occhi un barlume, una piccola luce: la speranza. Ma io sono la gente. Ho sollevato le spalle e sono andato oltre. Anche oggi.

Non piove.

il grande sonno

Stamani alzarsi è stata dura: un sonno da paura! Per sollevare le palpebre ci voleva un argano.

Sarà che ieri, approfittando che li piccini sono crollati a letto prima delle 20.00, ho guardato la tv fino a tardi e mi sono divertito molto qui.

3270394420_82eba588f2_b

 

il lato positivo

Strepitoso – da OSCAR

Il miglior motivo per andare al cinema quest’anno

Il film dell’anno

Che se fossero state vere anche solo metà delle cose scritte sulla locandina sarebbe stato un buon film…