Archivi categoria: politica

Immagine

All I want for Xmas is a Reichskriegsflagge

bandiera marina tedesca

Annunci

non faccio politica, giudico dalle apparenze

Matteo Orfini è la versione 3.0 (peraltro peggio vestita) di Massimo D’Alema.

Ogni stagione ha il suo antipaticone.

43c719bf91dee2b2c22f4ed9cd8432fedeb7c9cd_m

antiqualcosa

Premesso che viviamo tempi orribili, la vicenda poco idilliaca legata al calcio ed all’effige di Anne Frank è stata l’ennesima dimostrazione che il regresso socio-culturale sta toccando punte di elevatissima bassezza.

Sceneggiate, ululii vari, sfoggi di magliette, facce falsamente contrite e tutto il corredo di ipocrisia italica. Una tristezza  assoluta e squallida che contrasta con le poche immagini della bimba ebrea, scomparsa in un campo di concetramento: lei sorridente e con gli occhi neri e vivi. La sua intelligenza profonda  traspare dalle parole del suo diario. Che non vorrei ridurre a bigino sintetico o a frase ad effetto  stile “bacio perugina”.

Perchè qui non c’è nulla di definitivo, neanche quello che avrebbe dovuto insegnarci la “Storia” . Solo cuori aridi e menti vuote.

 

favolosi quegli anni

Il 1983 lo ricordo bene. L’anno prima l’Italia aveva vinto i mondiali in Spagna (una grande rivalsa internazionale). E l’anno dopo ero andato a passarvi le vacanze estive. O meglio ero andato in Catalogna.  Per me, giovane studentello liceale, cosa poteva mai significare avere a che fare con gente che parlava uno strano dialetto misto tra genovese, simil spagnolo  e corso? Gente che definiva Cristoforo Colombo catalano, che tifava per i blaugrana e parlava sempre e comunque di “indipendenza”?

L’estate del 1983 segnò per me grandi  scoperte:  Gaudì,  Mirò,  Picasso; le ramblas e i chiurros al cioccolato;molta musica che non avevo mai sentito prima. Luci e prospettive mai provate. Certo, anche l’adesivo con snoopy appiccicato sul retro delle macchine proclamava la propria catalanità.   Ma cosa importava? La catalogna del 1983 era bella, nuova, solare, divertente. Soprattutto libera.

Il patriottismo è l’ultimo rifugio delle canaglie

brucia Troia(*)

Il suicidio assistito del genere umano passa, in questi giorni, per i fuochi appiccati ai boschi. E’ bello il fuoco, affascina il suo potere distruttivo. Vedere le pinete trasformarsi in colonne di fumo, la gente in vacanza fuggire, il lavoro paziente di anni distrutto in poche ore. E’ bello sentire la voce delle sirene: mezzi di soccorso, voci di politici. Li senti e li vedi, questi ultimi, con i loro occhi smarriti e capisci che non hanno neanche idea di cosa sia e come funzioni la macchina della protezione civile. Capisci che non capiscono.  Loro non sono lì per dirigere, amministrare. Sono lì per rilasciare dichiarazioni. Che saranno spernacchiate o osannate. Brucia Troia.

L’orrore l’orrore l’orrore

Barbari della Colchide
I vapori s’alzano nell’ombra

per sbaglio

Per gli anni tuoi abbracciati nell’assedio
Per i giardini tuoi favi di miele
I denti mordano la terra nera
Noi gusteremo il giorno
Un giorno ancora
Brucia Troia Brucia Troia

* Troia o Ilio (in greco antico: Τροία o ἼλιονĪlĭŏn– o ΊλιοςĪlĭŏs– e in latino Trōia o Īlium), è sia un antico sito storico dell’Asia Minore, posto all’entrata dell’Ellesponto (Stretto dei Dardanelli), nell’odierna Turchia, attualmente chiamata Truva e popolata da un centinaio di abitanti, sia una città mitica dei testi classici greci.

trumpizzato

Leggevo le interessanti informazioni sul corteo di Trump: le auto con le teste di cuoio, i servizi speciali, i servizi segreti, i dispositivi di comunicazione, i sistemi anti attacco convenzionale e non convenzionale  e tutte le belle robe che ruotano intorno alla sicurezza di un presidente.

Paura, molta paura …

funny-dramatic-cats-5-58f71eedaf6c5__605

immuno cretini

In Africa profilassi e vaccini non esistono, e qui purtroppo c’è qualche cretino che dice che le vaccinazioni non servono o che fanno male. Ritorniamo al diritto d’essere cretini. Da medico penso che un genitore che non vaccina i propri figli sia un irresponsabile totale Gino Strada. Che non amo particolarmente, ma quando ce vò ce vò!

58fdb85488d39_f9uPws2__605