Archivi del mese: ottobre 2015

numerotto (piove su suburra, oh come piove…)

La premessa essenziale è che sono contrario ai films ed alle serie televisive ove si magnificano i personaggi della malavita. Quindi, per me, cacca sulle varie gomorre, romanzate criminali e compagnia cantante. Detto ciò, per dovere condominiale (Stefano Sollima abita nel mio stesso palazzo, ma non so se questo fa di me una persona migliore, a parte il fatto che possiamo discutere nelle riunioni condominali gli orari di accensione delle luci esterne) sono andato a vedere con l’amore mio “Suburra”. Che  è un film in cui piove (tuona e lampeggia) molto. In cui si annuncia “l’apocalisse”, facendo vedere di spalle papa Ratzinger nei giorni in cui ha maturato la volontà  di rinunciare al soglio pontificio, ma l’apocalisse non arriva (almeno non quella che mi aspettavo io). Intorno, nella Roma presente (è il 2011, ma fa lo stesso) si fanno i giochi sporchi ai danni della collettività tra politici corrotti (di destra), bande rivali, zingari cravattari, e bang, bang, bang. “Suburra” è un film dove si piscia su Roma, ma proprio nel senso vero del termine, mentre piove. Che è un pò la metafora del film stesso: c’è acqua dappertutto. L’acqua del Tevere che si porta via il padre suicida di Elio Germano, che straborda dai tombini, che occulta cadaveri, che cade su stabilimenti in fiamme; acqua in cui sprofonda Claudio Amendola alla fine del film. Acqua che dovrebbe purificarci o acqua sporca e basta? Sollima non lo dice. Ci tiene in compagnia dei suoi personaggi (tutti tipi umani perfetti per i singoli ruoli) , delle loro debolezze e delle loro efferate certezze. Il film è moscio all’inizio, ben strutturato al centro e poi scivola via in un finale in cui coloro che sembravano essere i più deboli e fragili (il Germano viscido e pauroso e la ragazza tossica di numerotto, il gangster di Ostia dal nome più ridicolo della storia dei gangster)  compiono una sorta di nemesi distruttiva e finale. Un contentino che dovrebbe rimettere le cose a posto. Ad ogni modo, le schifezze vere sono nella realtà.  E sono molto, ma molto più incredibili, luride, varie e fantasiose di quanto Sollima prova a raccontare. Motivo per lo quale odio, con tutto me stesso, chi tende a “mitizzare” gente di merda.

Annunci

infatuazioni

Da poche ore mi sono infatuato di Walter Lazzarin e della sua sfida di scrittore per strada. Ha avuto un’idea geniale, coraggiosa e poetica, in un mondo che di poetico non ha davvero più nulla.

Lunga vita alla parola (ed ai tautogrammi)

esseri facenti

Un tranquillo lunedì di sovrapposizioni, incasinamenti, fai questo mentre dovresti fare quello. E poi corri di qua e corri di là. Sii responsabile, fiero e determinato. Vinci ogni resistenza, travolgi ogni ostacolo. E muori sano.

Ad ogni modo, sto leggendo un libro, anzi un super libro: “Addio a Roma” di Sandra Petrignani che è un bum,bum bum di letterati, filosofi, artisti, poeti, pittori, registi ecc ecc, tra gli anni 50 e i 70 del secolo scorso (minchia secolo scorso!) a Roma. Talmente pieno di roba, nomi, eventi, sodalizi,  monopoli culturali e cose varie che “mafia capitale”, in confronto, è una passeggiata di salute.

una torre gemella è per sempre

“The walk” di Robert Zemeckis . Ci sono uomini che hanno fatto cose. Cose difficili da spiegare. Che forse non hanno un senso. Tipo camminare a 415 metri di altezza su un filo teso tra le twin towers nel 1974 a NY city. Ci sono uomini che hanno avuto questo tipo di sogno e lo hanno realizzato. Un sogno unico, che non può essere replicato. Non so se utile, ma pur sempre un sogno.

________________/\____________________

intellettuali

Nel 1975, il giorno in cui è stato ucciso PPP, avevo 8 anni. Dunque, un pò troppo in ritardo per  apprezzare, con consapevolezza, gli scritti e la profondità di pensiero di quell’uomo. Se posso esprimerla in altra maniera, per motivi anagrafici ho mancato il momento storico. Poi, per fortuna, sono riuscito a recuperare negli anni, leggendo molto. Magari è stata la mia fortuna: con la prospettiva data dalla distanza e dal tempo, certe cose si riescono a comprendere meglio. Si fa la tara, si capisce cosa si può salvare e cosa no, visto che, in the meantime, la storia è andata avanti. Miti, credenze ed ideologie si sono sgretolate. E l’analisi lucidissima della massificazione e distruzione sociale descritta da PPP è sotto gli occhi di tutti. Nessuno cercò di fermare il fenomeno all’epoca: non ci provarono i comunisti, non ci riuscirono i liberali. Ai capitalisti, invece, faceva comodo. E poi, insomma, a chi gliene fregava realmente dell’inurbamento selvaggio e delle devastazioni morali?

Perchè?  Su quelle macerie viviamo e vaghiamo oggi, senza alcun punto di riferimento. Di quella stagione, in effetti, l’unica cosa che rimpiango è il ruolo riconosciuto agli intellettuali. La società sentiva il bisogno di pittori, scrittori, poeti, registi. Ne apprezzava le opere ed il talento; non comprendeva tutto, ma capiva che servivano a qualcosa. Ad orientare scelte, ad alimentare discussioni e riflessioni. A non considerare la realtà come qualcosa di scontato e semplificato. E anche se la società molti atteggiamenti li ha marginalizzati, per conformismo e pigrizia, alcune generazioni si sono potute, se non altro, nutrire di ideali e di speranza.

Poi PPP è morto ammazzato (come i sogni e gli ideali) e ciao.

12144061_516295291879989_1526604704_n

marziani in fuga

I paesaggi marziani dell’ultimo film di Ridley Scott (The martian) sono situati in Giordania, in un luogo che si chiama Uadi Rum. A riprova che, senza dover andare troppo lontano, sul nostro pianeta possiamo trovare tutto ciò che ci occorre, senza spendere denaro pubblico in imprese ai confini del sistema solare. La fantascienza (e le sue trasposizioni cinematografiche) in realtà cosa prova a suggerirci? Ad immaginare mondi diversi, situazioni estreme, magari incontri,  quando siamo, purtroppo, ben coscienti che l’umanità è prigioniera su questo pianeta.  Per sempre. Dunque, non sarebbe più logico tener da conto quello che ci è stato destinato in sorte?

1280px-Wadi_Rum_duna_HPIM3730

nuove fonti energetiche

Se un decimo dell’energia prodotta per commentare le dimissioni (dismissioni) del sindaco di Roma, Ignazio Marino, fosse stata immessa nella rete di distribuzione dell’elettricità, avremmo potuto illuminare il GRA per un anno. Gratis.