Archivi del mese: febbraio 2014

à la guerre comme à la guerre

091328670-6f8efe79-178e-47f1-8bc7-db7d3b34be19Cos’hanno in comune queste cinque leggiadre e sorridenti donne? Non la nazionalità (albanese, olandese, tedesca, norvegese ed italiana, da sinistra  destra), ma il lavoro che fanno: sono Ministri della difesa. Quante domande si affollano nella mia mente:  non si dirà più “scemo” di guerra? Trattandosi di donne questo comporterà una minore produzione di armi? Cesseranno i conflitti nel mondo? Non verranno più acquistati gli F-35? Perchè se per la parità tra uomo e donna, questa foto qui rappresenta una bella (?) immagine, sono curioso di sapere cosa porterà in più la questione di genere (argomento pallosissimo e iperinflazionato)  nella trattazione di un campo per secoli prerogativa esclusiva degli uomini …

Annunci

chi ha paura dell’uomo bianco?

142706856-5fe54c47-6a1c-4fe6-a19a-5e5b2ad151f6(P.S. il sito de La Repubblica non “censura” il volto del bimbo, al contrario de Il Corriere della Sera che pixela e mette fascette  nere per ogni dove).

il tweet oltre la morte (Я вмираю)

Olesya Zhukovskaya è viva? E’ morta? Twitta anche dall’aldilà?

odessa

Le mie personali preferenze relative all’edizione 2014 del “Festival della canzone italiana” vanno a Frankie Hi nrg, Perturbazione e Raphael Gualazzi.

093615520-7e60ed2d-cbdc-470b-80d5-59a0e2ee81de

Ah, nel frattempo a Kiev si gioca una partita per la democrazia, l’accesso agli oleodotti e gli equilibri internazionali. Così en passant….

things come apart

La situazione politica odierna è riassunta in questa immagine: smontata ed analizzata criticamente in ogni singolo pezzo. E perfettamente inutile.

scott-8(Todd McLellan)

 

a proposito di perdenti

“Inside Llewyn Davis” è il film perfetto in questo periodo di crisi e stagnazione. Vuoi perchè il protagonista è un uomo di talento, ma sfigato (arriva troppo presto all’appuntamento con la storia), vuoi perchè oggi il talento (made in italy) è ingiustamente sprecato. La storia è americana, il periodo storico è lontano (1961), ma Llewyn potrebbe essere benissimo un esodato, un part time, un cassaintegrato, insomma un fallito. La storia è piena di falliti che non hanno fatto la storia.  E noi italiani al momento siamo primi in classifica in questo settore. Dunque Llewyn Davis parla di noi. E’ uno di noi.

La firma, come al solito brillante, è dei fratelli Coen (rispetto ad altri loro film non muore nessuno, forse solo un gatto).

InsideDaveVanRonk

 

al v(u)oto al v(u)oto

Ieri da Santoro si filosofeggiava sul primo governo Renzi. Sul “così non è carino” (dare il benservito), sul fatto che l’attuale parlamento è deleggittimato, inclusi i grillini (vedi sentenza Consulta su legge elettorale), sul non credere che Renzi  possa rimettere in sesto il Paese (ci piace molto di più rotolarci nel fango e nella miseria). Tutte belle considerazioni che finivano per essere riassunte nella necessità impellente di tornane alle urne. Per consentire finalmente ai cittadini di scegliere. 

Scegliere chi?